In-Folio

Home » Call for papers » CfP – Medio Evo e Rinascimento nella cultura del Novecento italiano

CfP – Medio Evo e Rinascimento nella cultura del Novecento italiano

Qual’è stata l’influenza di Dante, Petrarca, Boccaccio sugli autori del Novecento italiano, come Italo Calvino e Umberto Eco? La rappresentazione del Medio Evo nel cinema? E l’eredità del francescanesimo?
Il 4-5 settembre 2014 si tiene in Sud Africa il XIII convegno internazionale dell’A.P.I. (Association of Professional Italianists) dedicato all’eredità del Medio Evo e del Rinascimento in diversi aspetti della letteratura e della cultura del Novecento in Italia. Proposte di intervento entro il 30 aprile 2014.

Antichi moderni. Gli apporti medievali e rinascimentali all’identità culturale del Novecento italiano
4-5 settembre 2014
University of Cape Town (UCT)

A.P.I. (Association of Professional Italianists), in collaborazione con l’Università di Città del Capo (Sud Africa), organizza il 4 e il 5 settembre 2014 un convegno internazionale di studi incentrato sugli apporti medievali e rinascimentali all’identità culturale del Novecento italiano.
Nella cultura italiana il Medio Evo e il Rinascimento rappresentano, nonostante le note differenze che caratterizzano le due epoche, due imprescindibili punti di riferimento. Avulsi dal contesto storico, tali periodi forniscono modelli stilistici e tematici e si propongono quali veri e propri serbatoi cui artisti, letterati e intellettuali delle epoche successive hanno sempre attinto. Il debito contratto nei confronti di queste epoche si fa ancora più profondo nel Novecento, soprattutto in seguito alla crisi dei valori ottocenteschi e al senso di sradicamento dell’uomo moderno. Il Medio Evo e il Rinascimento si pongono nel secolo appena trascorso quali spazi evocativi di un’estetica e di una poetica dell’esistere che esalta il sublime, costantemente ricercato, non solo nella letteratura ma anche in altri ambiti artistici, primo fra tutti quello architettonico (un esempio tra molti è il Castello Aselmeyer a Napoli dell’architetto anglo-partenopeo Lamont Young).
Sarà dunque lecito chiedersi in che modo il Medio Evo e il Rinascimento hanno parlato all’uomo del secolo scorso? Quali aspetti in particolare lo avevano interessato? Come hanno contribuito queste epoche del passato alla costruzione dell’identità culturale del Novecento italiano? Esperti di letteratura, architettura, arti sceniche, visive e dello spettacolo sono invitati a presentare i propri contributi interdisciplinari, col proposito di fare luce sulla prospettiva assunta dagli intellettuali e artisti italiani del Novecento nei confronti del Medievo e del Rinascimento.

Aree tematiche suggerite
La fortuna nel Novecento dei generi metrici delle origini – Dante, Petrarca, Boccaccio nel XX secolo – La rivalutazione dell’Umanesimo e del Rinascimento nell’epoca modernista e pragmatista – Il recupero del linguaggio mistico medievale nella letteratura espressionistica primo-novecentesca – Neomediovalismi e Post-moderno: le ambientazioni medievali di Umberto Eco e Italo Calvino – Il Medioevo in Pascoli e in D’Annunzio – Il francescanesimo nella letteratura italiana e nel riformismo religioso del Novecento – Artemisia Gentileschi e il femminismo italiano – La sacra rappresentazione e il maggio toscano nel XX secolo / La cultura medievale giullaresca nel teatro di Dario Fo – Il filone popolare medievale nel cinema di Pasolini / Miti medievali nel teatro operistico novecentesco – Neo-medievalismo e Neo-rinascimento nell’architettura italiana del XX secolo.

Call for papers
Le comunicazioni potranno essere in italiano o in inglese. È prevista la pubblicazione degli Atti, sottoposta ad un comitato di lettura, in collaborazione con la rivista accreditata ISSA – Studi di Italianistica nell’Africa Australe / Italian Studies in Southern Africa (ISSN: 1012-2338). Una breve proposta di comunicazione (15-20 righe / 250 parole circa) accompagnata da una presentazione dell’autore (nome, affiliazione accademica, e-mail, indirizzo postale, contatto telefonico, titolo dell’intervento, breve nota bio-bibliografica) dovrà essere inviata entro il 30 aprile 2014 al seguente indirizzo: antichi.moderni@gmail.com
La quota di partecipazione è di € 70 (ZAR 800.00 per i residenti in Sud Africa) se pagati prima del 31 maggio 2014, altrimenti € 85 (ZAR 1000.00) se pagati oltre tale data. La quota include la registrazione al convegno, l’iscrizione all’A.P.I. per il 2015, i rinfreschi e i pranzi nei giorni della conferenza. I dati bancari ai fini del trasferimento sono:

Association of Professional Italianists
ABSA Bank
Bank Account No: 90 5660 9619
Sandton Branch
Branch Code: 63 100 5
Swift Code: ABSA ZA JJ
Reference: Convegno CPT 2014

Per ulteriori informazioni rivolgersi a
Prof. Giona Tuccini
University of Cape Town
School of Languages and Literatures, Italian Section
Beattie Building, room 216
5 University Avenue
Rondebosch 7701
South Africa
antichi.moderni@gmail.com

***********************************

XIII A.P.I. International Conference
The contribution of the Middle Ages and Renaissance to Italian cultural identity in the 20th century
4-5 September 2014
University of Cape Town (UCT)

From 4-5 September 2014, the A.P.I., in collaboration with the University of Cape Town (South Africa), is organising an international conference dedicated to the study of the contribution of the Middle Ages and the Renaissance to Italian cultural identity in the twentieth century.
Despite the marked differences characterising the two eras, the Middle Ages and the Renaissance represent two inescapable points of reference in Italian culture. Extracted from their historical context, these two periods provide stylistic and thematic models and propose themselves as definite artistic, literary and intellectual sources from which subsequent eras have always drawn. The debt towards these eras becomes more profound in the twentieth century, mainly as a consequence of the crisis of values in the nineteenth century and of the sense of the rootlessness of modern man. In the last century, the Middle Ages and the Renaissance were established as spaces evocative of an aesthetic and poetic existence exalting the constantly sought-after quality of the sublime not only in literature but also in other artistic spheres, the first of them being that of architecture. One example of many is the Aselmeyer Castle in Naples by the anglo-Neopolitan architect Lamont Young.
Will it therefore be legitimate to ask oneself how the Middle Ages and the Renaissance spoke to man of the last century? Which aspects in particular had interested him? How have these past eras contributed to the construction of Italian cultural identity in the twentieth century? Experts on literature, architecture, theatre, visual and performing arts are invited to submit their own interdisciplinary contributions, with the intention of shining a light on the perspective assumed by Italian intellectuals and artists in the twentieth century towards the Middle Ages and the Renaissance.

Suggested Thematic Areas
Fortune of primitive metric genres in the twentieth century / Dante, Petrarch, Boccaccio in the twentieth century / The revaluation of Humanism and the Renaissance in Modernism and Pragmatism / The recovery of medieval mystical language in expressionist literature of the early twentieth century / Neo-medievalism and the Post-modern: the medieval setting in Umberto Eco and Italo Calvino / The Middle Ages in Pascoli and D’Annunzio / Franciscanism in Italian literature and religious reform of the twentieth century / Artemisia Gentileschi and Italian feminism / Liturgical theatre and the Tuscan “Maggio” in the twentieth century / Medieval culture and jesters’ performances in the theatre of Dario Fo / The popular medieval trend in Pasolini’s cinema / Medieval myths in twentieth century opera / Neo-medievalism and the neo-Renaissance in Italian architecture of the twentieth century.

Other information
Presentations may be in Italian or in English. Contributions to the conference are expected to be collected in a volume after being submitted to a peer-review committee, in collaboration with the credited journal ISSA-Studi di Italianistica nell’Africa Australe / Italian Studies in Southern Africa (ISSN: 1012-2338). A brief proposal for the contribution (15-20 lines / approximately 250 words) accompanied by an introduction to the author (name, academic affiliation, e-mail address, postal address, contact telephone number, title of the paper, brief bio-bibliographical note), must be submitted by 30 April 2014 to the following address: antichi.moderni@gmail.com

The participation fee is € 70 (ZAR 800.00, for South African residents) if paid before 31 May 2014, otherwise € 85 (ZAR 1000.00) if paid after that date. The fee includes registration to the convention and to A.P.I for 2015, refreshments and lunch on the days of the conference. Banking details for the transfers are:

ASSOCIATION OF PROFESSIONAL ITALIANISTS
ABSA Bank
Bank Account No: 90 5660 9619
Sandton Branch
Branch Code: 63 100 5
Swift Code: ABSA ZA JJ
Reference: Convegno CPT 2014

For further information contact:
Prof. Giona Tuccini
University of Cape Town
School of Languages and Literatures, Italian Section
Beattie Building, room 216
5 University Avenue
Rondebosch 7701
South Africa
antichi.moderni@gmail.com
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: