In-Folio

Home » Luoghi » Poeti e pellegrini sulla Via Francigena viterbese

Poeti e pellegrini sulla Via Francigena viterbese

Capranica VT

Capranica VT

La casa editrice torinese Effatà propone un bel tour “A piedi verso Roma, riscoprire la Via Francigena nel Lazio” dal 15 al 20 settembre 2014 (6 giorni/5 notti), una splendida stagione nell’alto Lazio e a Roma.
Il tratto della Francigena che attraversa il Lazio è immerso nella verdissima campagna della provincia di Viterbo, tra castagneti, noccioleti, laghi, borghi medievale e siti archeologici etruschi e romani che si affacciano sulla via Cassia.
Il tour prevede spostamenti in pullman e, oltre alle soste nei centri storici, brevi tappe a piedi (facoltative) lungo la via medievali dei pellegrini, su sentieri non asfaltati.
Il pellegrinaggio a Roma, in visita alla tomba dell’apostolo Pietro era nel medioevo uno dei tre luoghi principali di pellegrinaggio insieme alla Terra Santa e a Santiago di Compostela. Per questo l’Italia era percorsa continuamente da pellegrini di ogni parte d’Europa diretti a Roma. I pellegrini provenienti soprattutto dalla Francia cominciarono, a partire dall’XI sec., ad entrare in Italia dal passo del Monginevro, dando così alla strada che da lì arrivava a Roma il nome di Francigena, cioè dei francesi.
Per ricordare lo spirito del pellegrinaggio, lungo il cammino sono previste soste di riposo arricchite da racconti di viaggio di pellegrini, ricerche di storici e documenti medievali. Anche i trasferimenti in pullman sono occasione per ascolti musicali, proiezioni audiovisive, che contribuiscono a cogliere aspetti artistici, storici, spirituali relativi alla Via Francigena.

Prime tappe del viaggio sono Orvieto (in provincia di Terni, Umbria) e Bolsena, affacciata sul lago di origine vulcanica più vasto d’Italia e famosa per il miracolo qui avvenuto, che è all’origine della festa del Corpus Domini. Questa la vicenda: un sacerdote del secolo XIII aveva dubbi sulla transustanziazione, ma mentre celebrava la messa nella chiesa di Santa Cristina, l’ostia prese a sanguinare, segno miracoloso del mistero dell’incarnazione di Cristo.
A Bolsena si farà un percorso a piedi di 4 km tra coltivazioni di vite, ulivi e il parco naturalistico di Turona. Dopo Montefiascone, si giunge a Viterbo, la “Città dei Papi”, con il quartiere medievale di san Pellegrino e il palazzo dei Papi.
Il terzo giorno si giunge a Capranica per una passeggiata nel piccolo borgo antico tra freschi vicoli e molte chiese, tra le quali merita la chiesa romanica di S. Francesco. Capranica è stata prima feudo della famiglia degli Anguillara poi sotto il governo cardinalizio. Ancora oggi, nel paese costruito su uno sperone di tufo, sono riconoscibili le fattezze di un castello. Nell’inverso del 1337, di ritorno dalla Francia, soggiornò qui Francesco Petrarca, ospite di Orso degli Anguillara e di sua moglie Agnese Colonna. Non mancò di notare la ricchezza di sorgenti d’acqua, e scrisse lettere e poesie che testimoniano il soggiorno.  Alcuni secoli dopo, all’epoca del Grand Tour, anche Goethe sostò a Capranica, il suo bozzetto della chiesa della Madonna del Piano è conservato in Germania.
Da Capranica si percorrono a piedi gli 8 km fino a Sutri percorrendo la valle Mazzano, in un bosco selvaggio sovrastato da rocce tufacee. Prima di entrare a Sutri, ci si inoltra in una zona archeologica, costeggiando una necropoli etrusca e l’anfiteatro romano scavato nel tufo.
Il quarto giorno, si raggiunge il Parco archeologico regionale di Veio per una passeggiata di 5 km tra le necropoli etrusche.
Come gli antichi pellegrini, si arriva poi a Roma da Monte Mario, oggi riserva naturale. Questa ultima tappa prevede 4 km camminando immersi nella natura e salendo al belvedere, dove si può ammirare parte della città di Roma per poi proseguire verso la basilica di San Pietro e terminare il cammino presso la tomba dell’apostolo.
Gli ultimi due giorni del tour sono dedicati a Roma, visitando le principali chiese e seguendo il modello di pellegrinaggio interno alla città di Roma ideato da san Filippo Neri nel secolo XVI. Oltre a S. Pietro, il percorso tocca San Paolo fuori le mura, San Sebastiano fuori le mura, San Giovanni in Laterano, Santa Croce in Gerusalemme, San Lorenzo fuori le mura e Santa Maria Maggiore. Infine, sono previste visite anche ai più importanti monumenti della città imperiale: Campidoglio, Foro Romano, Colosseo e Arco di Costantino.

Prenotazioni entro il 4 luglio 2014

Le informazioni dettagliate sul tour e sulle modalità di prenotazione
http://tour.effata.it/tour/a-piedi-verso-roma

La puntata dedicata a Capranica (VT) del programma Borghi d’Italia – TV2000
http://www.borghiditalia.tv2000.it/borghi_d_italia/abbiamo_visitato/00002644_Capranica_di_Viterbo.html
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: