In-Folio

Home » Percorsi » Autori per ragazzi, quando erano rifugiati

Autori per ragazzi, quando erano rifugiati

Pubblichiamo volentieri, per gentile concessione, un estratto della ricerca di Zoe Toft sugli autori per ragazzi, sia scrittori che illustratori, che sono stati nella condizione di rifugiati. Zoe Toft  è membro del comitato direttivo nazionale dell’organizzazione britannica Federation of Children’s Book Groups. La ricerca, appena conclusa e inedita in Italia, ha richiesto diversi mesi e ha visto la collaborazione del gruppo di studio internazionale Children Literature UK, che si incontra virtualmente sulla rete messa a disposizione dall’università di Newcastle. Abbiamo tradotto e adattato la lista al contesto italiano (Cecilia Barella) selezionando gli scrittori e illustratori che sono stati pubblicati in Italia. La ricerca ha preso in considerazione soprattutto gli autori che hanno scritto e pubblicato in paesi anglofoni (perché lì rifugiati).

Il 20 giugno si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale per il Rifugiato, nata per iniziativa dell’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr) allo scopo di sensibilizzare al rispetto per chi lascia la propria casa spinto da torture e persecuzioni.

L’articolo 1A della Convenzione di Ginevra (1951) definisce così lo status di rifugiato:
il rifugiato è colui “che temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadino e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese; oppure che, non avendo cittadinanza e trovandosi fuori del Paese in cui aveva residenza abituale a seguito di tali avvenimenti, non può o non vuole tornarvi per il timore di cui sopra“.

Il sito curato da Zoe Toft
http://www.playingbythebook.net/

Scrittori per ragazzi e illustratori (pubblicati in Italia) che sono stati rifugiati.

I hope that with this list I can highlight the ways in which refugees have contributed to and become part of our rich history and heritage (Zoe Toft)

Victor Ambrus
Victor Ambrus è nato nel 1935 a Budapest (Ungheria), da dove è scappato nel 1956 a causa dell’occupazione sovietica. E’ diventato cittadino britannico ed ha vinto importanti premi come illustratore di fiabe e storie di animali. In Italia, la casa Elledici ha pubblicato il suo albo illustrato Natale.
Il sito personale è http://www.victorambrus.com/

Judith Kerr
La scrittrice Anne Judith Kerr Obe è nata a Berlino nel 1923 ma nel 1933 ha lasciato la Germania con la sua famiglia. Il padre, Alfred Kerr, era giornalista e sceneggiatore, e aveva apertamente criticato il nazismo. La famiglia si trasferì prima in Svizzera, poi in Francia e infine in Inghilterra. La scrittrice ha dichiarato più volte che da bambina riuscì a non soffrire per lo stato di rifugiata perché incuriosita soprattutto dai viaggi. Ha scritto la sua autobiografia come un romanzo per ragazzi Quando Hitler rubò il coniglio rosa (ed. Rizzoli)

Anne Frank
Annelies “Anne” Marie Frank (1929 – 1945) era nata a Francoforte sul Meno (Germania) ma ha vissuto in Olanda dal 1933 quando la famiglia fu costretta a fuggire dalla Germania. Dal 1942, come è noto, la famiglia Frank visse nascosta finché non fu scoperta nel 1944 e tutti furono deportati nei campi di concentramento. Anne e sua sorella Margot morirono di tifo a Bergen-Belsen nel marzo 1945. Suo padre Otto, unico superstite della famiglia, tornato ad Amsterdam trovò e fece pubblicare il Diario (ed. Einaudi) che Anne aveva scritto nel rifugio.
Il museo http://www.annefrank.org/
Il canale Youtube http://www.youtube.com/user/AnneFrank

Eva Ibbotson
Eva Ibbotson (1925 – 2010) è nata in una famiglia ebrea non praticante. Sua madre, Anna Gmeyner era una scrittrice piuttosto nota finché il regime fascista non le impedì di scrivere Nel 1933 la famiglia lasciò Vienna per l’Inghilterra dove Anna aveva molti conoscenti tra gli intellettuali. Il trasferimento segnò molto Eva, anche se riuscì ad inserirsi nella società inglese e divenne una nota scrittrice per bambini.
In Italia i suoi romanzi sono pubblicati da Salani.

Felix Salten
L’autore di Bambi (1923), Felix Salten (1869 – 1945) era cittadino austriaco, nato a Busapest in una famiglia di religione ebraica. Era giornalista e scrittore ma nel 1936 Hitler mise al bando i suoi libri e Salten si trasferì a Zurigo (Svizzera) dove visse il resto della vita.

Uri Shulevitz
Scrittore e illustratore, Uri Shulevitz è nato a Varsavia (Polonia) nel 1935. Durante la Seconda Guerra mondiale la sua casa fu bombardata e la famiglia si rifugiò a Parigi, e da lì andò in Israele, nel 1949. Nel 1959 si trasferì a New York.
In Italia è stato pubblicato La mappa dei sogni (ed. Il Castoro) che narra la vicenda della sua famiglia e come l’immaginazione aiutò il bambino ad affrontare le difficoltà e superarle.

Peter Sis
Peter Sís è nato in Cecoslovacchia nel 1949. Nel 1982 il governo cecoslovacco lo inviò negli Stati Uniti per girare un film sulle olimpiadi invernali. In quell’occasione chiese asilo, e fu accolto.  Scrittore e illustratore, ha vinto molti premi. Il suo libro più famoso è Il muro. Crescere dietro la cortina di ferro, 2007 (ed. Rizzoli).
Il sito personale di Peter Sis  http://www.petersis.com/

Ilon Wikland
Nata a Tartu, in Estonia, Ilon Wikland fuggì in Svezia con la famiglia di una compagna di classe nel 1944, a 14 anni, quando il paese fu occupato dalle truppe sovietiche. E’ diventata famosa soprattutto come illustratrice di Astrid Lindgren. In Italia, l’editrice Il Gioco di Leggere ha pubblicato Betta sa andare in bicicletta e Betta sa fare tutto (o quasi)
Il sito personale  http://www.ilon.se/en/index.php?option=com_content&view=frontpage&Itemid=1

 

 

Annunci

2 commenti

  1. In-Folio online ha detto:

    Thank you, Zoe. Here is a list of refugee writers living in Rome
    http://www.romamultietnica.it/it/la-citt-interculturale/rifugiati/itemlist/tag/Scrittori.html
    (the web site Roma Multietnica deals with immigrants and refugees communities in Rome, it is a service of the Rome Public Libraries Office).
    A specific list on Italian refugees children lit could be the theme of some next post….

  2. Zoe ha detto:

    Interesting to see those authors who are published in Italy. What about any Italian authors/illustrators who were refugees, or who have written about refugee experiences?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: