In-Folio

Home » Archivi digitali » Un tesoro in Irpinia

Un tesoro in Irpinia

Folklore e antropologia culturale. 227 classici e i capisaldi della materia sono consultabili online (e scaricabili) in versione integrale dal sito del Centro Studi Irpinia “Alfonso M. di Nola”.
Nel dicembre 2009 a Sant’Andrea di Conza, in provincia di Avellino, è stato inaugurato il Centro Studi Tradizioni Popolari per la Ricerca e la Documentazione Demoetnoantropologica.
Il centro è dedicato ad Alfonso Maria di Nola (Napoli 1926 – Roma 1997) antropologo e storico delle religioni che ha insegnato nelle università di Roma, Napoli e Siena.
Il Centro Studi ha allestito un sito web il cui cuore è la raccolta di circa 227 libri digitalizzati (disponibili in formato PDF e scaricabili) nella sezione Biblioteca. Si tratta di testi fuori diritti d’autore, nella maggior parte dei casi risalenti alla seconda metà dell’Ottocento e all’inizio del Novecento. I grandi classici dello studio del folklore e dell’antropologia culturale rimangono per molti aspetti insuperati perché, a dispetto del susseguirsi delle teorie scientifiche, il materiale e le testimonianze raccolte in quegli anni sono spesso perdute e irripetibili.
La biblioteca comprende testi in lingua originale (italiano, francese, inglese, tedesco) e in versione originale. Una carrellata dei suoi tesori: tutti i volumi delle Child Ballads (l’imponente studio sulle ballate popolari di lingua inglese di F.J. Child); la versione integrale del Ramo d’Oro di Frazer; la collana sulle tradizioni popolari delle regioni italiane curata da Giuseppe Pitrè. E ancora importanti autori quali Jacob Grimm, Michelet, Savi-Lopez, Comparetti, Graf, De Gubernatis.
Di fatto, l’esistenza del Centro studi sembra compiuta tutta nella sua biblioteca online, almeno a giudicare dal sito che non riporta informazioni su attività operative. Ed è anche vero che, trattandosi di libri fuori diritti, sono spesso già reperibili su grandi archivi quali Google e Gutenberg, ma una raccolta tematica è comunque utile per studenti, studiosi e appassionati, e permette anche di scoprire testi che ancora non conoscevamo.
L’indirizzo web della biblioteca del Centro studi è:
http://www.centrostudirpinia.it/index.php/page?id=32

Cecilia Barella

L’articolo è apparso originariamente su “La Compagnia del Libro” – TV2000 nel gennaio 2012

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: